fbpx
Raggio: Chiuso
Raggio: km
Set radius for geolocation
post-title Nasce il CCN Carbonia Produce

Nasce il CCN Carbonia Produce

Nasce il CCN Carbonia Produce

Nasce il CCN Carbonia Produce

Nasce il nuovo Centro Commerciale Naturale, CARBONIA PRODUCE.

Ma cosa è, un CCN? E quali sono i suoi obiettivi?

Bene, in questo articolo cercherò di dare risposta a questi quesiti.

Anzitutto, dobbiamo dire qual è la ragione che spinge un gruppo di attività imprenditoriali a riunirsi attraverso questa modalità.

Sappiamo bene che i centri di tutte le città d’Italia e, a maggior ragione, di un centro con le caratteristiche della cittadina sulcitana, vivono oggi una crisi sensibile, dovuta a tanti fattori: sociale, culturale, economica, ma non solo.

L’epicentro commerciale, oramai in tutte le città, è localizzato nelle periferie, nelle zone commerciali, nei centri commerciali, ipermercati, outlet.

A tutto ciò fa eco l’imporsi a tutti i livelli e in tutti i settori delle multinazionali dell’e-commerce. Insomma, la capacità di attrazione della piccola distribuzione cittadina è sempre più ridotta.

Questo anche perché tutte le politiche di marketing sono decisamente più incisive da parte di chi possiede più capacità economiche da investire in strategie promozionali.

A ciò aggiungiamo anche un contesto locale, economico e sociale, di elevata criticità: i livelli di disoccupazione sono impressionanti e, pertanto, si crea un circolo vizioso che rende sempre meno consistenti i budget destinati ai consumi.

E anche per i beni di prima necessità, sempre più ci si affida a discount o, comunque, attività della GDO in grado di assicurare il massimo risparmio possibile.

Quest’analisi impietosa ci dice la cifra di una crisi generale che sembra accentuarsi sempre più e non dare più alcuna speranza di ripresa. La mentalità diffusa è che in futuro potrà andare solo peggio.

A questo si unisce un “passatismo” anacronistico, per il quale tutto ciò che è stato il passato, buono, non tornerà più. E ci si abbandona a sterili atteggiamenti da “Aspettando Godot” di Beckettiana memoria: prima o poi, forse, arriverà qualcuno o qualcosa che si prenderà cura di noi.

Ecco, a quest’ultimo passaggio mi voglio allacciare per affermare che il CCN nasce proprio per andare oltre questo atteggiamento disfattista.

Prima ancora che uno strumento concreto e, si spera, efficace, il CCN è un’idea, un sogno, un desiderio, che trova il modo di poter essere realizzato.

Lasciando da parte tutte le difficoltà -reali- che le attività incontrano, chi aderisce a questa iniziativa prova ad urlare al mondo che non ci sta ad assistere passivamente alla desertificazione del centro città.

La rivitalizzazione della città non è un’utopia, è un percorso progressivo lungo e complicato, ma non impossibile.

Si tratta, come per tutte le cose, di definire un Progetto, con obiettivi possibili, con strumenti adeguati. Il marketing territoriale è una scienza, non ci si può improvvisare: bisogna avere competenze, idee chiare e tanta determinazione.

Fare rete è il primo obiettivo: bisogna imparare a ragionare con la stessa testa e puntare gli stessi obiettivi con le stesse modalità. Ogni attività deve essere complementare e funzionale al fine comune: da soli non si può competere, se si fa parte di un sistema integrato, ciò è possibile!

Bisogna riuscire ad innescare un circolo virtuoso, cercando di supportarsi a vicenda, imparare a gioire per i successi degli altri, perché in un successivo momento i successi saranno i nostri.

L’obiettivo iniziale e più importante è quello di creare un gruppo coeso, unito, attivo ed efficace. Questo stile è il primo passo, ma anche quello più importante. Perché chi osserva dall’esterno deve riconoscere chi ne fa parte e avrà un atteggiamento diverso nell’accostarsi a quel contesto.

Detto questo, è opportuno affermare che il CCN non nasce per opporsi o fare concorrenza alla GDO. Sarebbe profondamente sbagliato e, senza alcun dubbio, una partita persa.

I grossi brand sanno come fare politiche aggressive che non danno scampo alla piccola distribuzione cittadina.

Il terreno di scontro è un altro: come per tutte le attività di posizionamento di un brand, l’obiettivo deve essere quello di differenziarsi il più possibile!

Non si può sperare che il cittadino vada al centro a fare gli acquisti per simpatia, perché ci tiene, o per una questione morale. Questo può funzionare per una singola campagna promozionale, che miri anche alla sensibilizzazione.

No, il cittadino comune va al centro a fare gli acquisti solo perché gli offriamo un motivo per farlo, perché lo reputa più conveniente rispetto al centro commerciale tradizionale o all’ipermercato.

Il CCN dovrà riuscire a fornire di sé un’immagine forte, determinata, ricca di motivazione e di vantaggi per la clientela: servizi di qualità, eventi culturali e iniziative di ogni categoria, contesti storici e artistici nei quali opera, strumenti di fidelizzazione unici e tanto altro.

Insomma, la sfida è lunga ed impegnativa. Ma il segnale è inequivocabile: nessuno ha intenzione di darsi per vinto, così come Davide con Golia.

Seguiteci e ne vedrete delle belle!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Portafoglio  |  Informazioni: non ci sono oggetti creati, aggiungine qualcuno.
Testimonial  |  Informazioni: non ci sono oggetti creati, aggiungine qualcuno.